Linfodrenaggio: cos’è quali sono i benefici

Fisiosanity Informa /Linfodrenaggio
linfo4-1

Il linfodrenaggio è un trattamento che trova impiego in campo estetico e terapeutico. Aiuta a ritrovare il benessere e aumenta le difese immunitarie. È finalizzato al drenaggio di linfa e liquidi stagnanti nel corpo.

Per capire meglio come funziona è necessario soffermarsi un momento sul sistema circolatorio linfatico. I vasi del sistema linfatico scorrono in parallelo a quelli dell’apparato circolatorio e, come nel sistema circolatorio sanguigno, variano di dimensione. Abbiamo vasi di conduzione di media grandezza e vasi periferici di dimensione simile ai capillari

linfo1

All’interno dei vasi linfatici scorre la linfa: liquido ricco di lipidi e proteine, in tutto simile al sangue, ma, a differenza di questo, contiene un gran numero di globuli bianchi e pochissimi globuli rossi.

La circolazione all’interno dell’apparato linfatico è unidirezionale: dalla periferia al cuore. Non è spinta dall’attività cardiaca, ma bensì dall’attività dei muscoli.

Può accadere che la circolazione della linfa non sia ottimale. Cosa accade? Si forma il ristagno del liquido interstiziale nei tessuti con la conseguente formazione di edemi o gonfiori. 

È in questi casi che interviene il massaggio linfodrenante. 

linfo3

Cos’è il drenaggio linfatico manuale?

Il Drenaggio Linfatico Manuale – DLM – o linfodrenaggio è una tipologia, la più diffusa, di massaggio linfodrenante. Esercitata nelle aree del corpo caratterizzate da un’eccessiva riduzione del circolo linfatico.

Il trattamento drena, dai tessuti, i liquidi linfatici che il sistema non riesce più a smaltire da solo.

Le aree interessate dall’intervento sono: milza, timo, noduli linfatici e linfonodi.

I linfonodi quando trattati, vengono stimolati anche nella loro funzione immunitaria. Il beneficio conseguente è l’aumento dell’efficacia delle difese naturali dell’organismo.

Inoltre abbiamo un effetto tonificante, sulla muscolatura che regola la contrazione dei capillari, con un miglioramento della circolazione.

Il massaggio linfodrenante è un trattamento applicabile a fini:

  • terapeutici, con patologie esistenti da trattare o già risolte. L’esigenza è avere un recupero delle condizioni fisiche e metaboliche del paziente;
  • estetici, basti nominare cellulite, ritenzione idrica, liposuzione e altre possibili situazioni;
  • aumentare il benessere in gravidanza ed evitare disturbi come la ritenzione idrica.

Linfodrenaggio terapeutico

Il linfodrenaggio è riconosciuto come efficace terapia medica. Può essere applicato per far fronte a numerose sintomatologie e problemi:

  • postoperatori. In ambito ortopedico, odontomastologico, estetico, nei casi di trapianto di cute e cicatrici. Proprio perché migliora la circolazione linfatica e permette una buona ossigenazione dei tessuti;
  • postraumatici. In presenza di ematomi, distorsioni, lussazioni, lesioni tendinee, legamento, meniscali. O ancora in presenza di borsiti, sindrome del tunnel carpale, strappi muscolari e postumi di fratture;
  • affezioni reumatologiche: artriti e artrosi;
  • malattie sistemiche del tessuto connettivo. Colpiscono tessuti e organi del corpo come le articolazioni, la cute, i reni, polmoni, sistema nervoso e tratto intestinale. Un esempio tra tutti è il lupus;
  • edemi locali del sistema nervoso centrale e periferico. Ne citiamo solo alcune: apoplessia, emicrania e cefalea, commozione cerebrale, disturbi dell’udito, nevralgia del trigemino, paresi facciale, sclerosi multipla, bambini “linfatici”;
  • edemi venosi come ulcere venose, arteriose e diabetiche;
  • stipsi e colite ulcerosa nelle forme croniche;
  • distonia vegetativa che provoca contrazioni muscolari e spasmi involontari del sistema extrapiramidale. Questo sistema è l’insieme delle strutture del sistema nervoso centrale che contribuiscono a controllare la posizione del corpo e il movimento.

Inoltre viene spesso applicato il massaggio linfodrenante in caso di:

  • stress;
  • sindrome premestruale;
  • edema ciclo idiomatico caratterizzato da un incremento ponderale del peso corporeo;
  • gestazione per migliorare il microcircolo e favorire il benessere di mamma e feto.

Per applicarlo nei pazienti oncologici, è necessario il consulto con l’oncologo. Devono essere verificate: lo stato delle cure, le condizioni del paziente e la posizione di eventuali metastasi.

Linfodrenaggio estetico

Il linfodrenaggio estetico ha la funzione di drenare le scorie di tutti i tessuti corporei.

La pressione esercitata dalle mani dell’operatore, stimola il sistema linfatico, favorendo il ripristino della sua naturale attività.

Quali potrebbero essere i problemi che inducono a trattare i sintomi con un drenaggio linfatico manuale?

Primo tra tutti, la cellulite, chiamata anche panniculopatia edemato-fibro-sclerotica. Compare quando la linfa e i liquidi stagnanti penetrano nei pannelli adiposi, causando ritenzione idrica e creando gonfiori e noduli: la famigerata pelle a “buccia d’arancia”.

Il massaggio estetico linfodrenante viene anche associato a diete dimagranti. Il trattamento favorisce il mantenimento dell’elasticità cutanea.

Liposcultura e liposuzione sono interventi che eliminano il grasso in eccesso. Anche in questo caso per lo smaltimento di liquidi stagnanti viene consigliato il linfodrenaggio.

linfo4

Quali sono i benefici del linfodrenaggio?

Il massaggio drenante ha molte applicazioni e la sua funzione è chiara: drenare la linfa e i liquidi stagnanti.

Anche i benefici del linfodrenaggio sono molteplici, quelli più importanti sono:

  • favorire l’ossigenazione cellulare e la riattivazione del metabolismo;
  • immissione di globuli bianchi e anticorpi nell’apparato circolatorio tramite il sistema linfatico;
  • ridurre il dolore e agevolare il riassorbimento di edemi e linfedemi;
  • regolare il sistema neurovegetativo;
  • aiutare il processo di cicatrizzazione di piaghe e ulcere nei diabetici;
  • rilassamento delle fibre muscolari;
  • ridurre il gonfiore e favorire il defluire dei liquidi in eccesso;
  • combattere la ritenzione idrica grazie al drenaggio dei liquidi stagnanti negli spazi interstiziali;
  • smaltimento di residui di farmaci assunti per lunghi periodi.
Livello 2

È evidente come il linfodrenaggio abbia benefici su molti aspetti della nostra salute psicofisica; consideriamo poi che il trattamento è piacevole e rilassante e favorisce la diminuzione dello stress.

 FT Dr. Enrico Gumirato

Conosci questi sintomi e vuoi saperne di più?