Distorsione: cosa fare e cosa non fare

Fisiosanity Informa / Distorsione
dist3

La distorsione è un trauma delle articolazioni che coinvolge e lesiona capsula e legamenti, spesso è causato da un movimento scorretto, violento e improvviso.

La distorsione avviene per la momentanea fuoriuscita dell’osso dalla propria sede e il suo immediato rientro, fortunatamente non è accompagnata dalla rottura dell’osso.

Tutte le articolazioni possono essere soggette ad una distorsione, tuttavia le localizzazioni più frequenti sono:

  • ginocchio;
  • spalla;
  • polso;
  • gomito;
  • dita delle mani;
  • soprattutto la caviglia.

 

Le distorsioni più gravi provocano la lacerazione dei legamenti e, fra i sintomi più evidenti, ci sono dolore, gonfiore e limitazione funzionale.

Cosa fare in caso di distorsione

dist1

La prima cosa da fare in caso di distorsione è mettersi a riposo e sollevare l’articolazione per ridurre il gonfiore. La sensazione dolorosa è intensa e interessa l’articolazione colpita, mentre il gonfiore aumenta in maniera graduale dopo aver subito il trauma.

La presenza di una tumefazione precoce può essere indice di una lacerazione della capsula e della membrana sinoviale, la capsula e la membrana avvolgono l’articolazione e contengono un liquido che ha la funzione di rendere minimo l’attrito in movimento.

La limitazione funzionale non è immediata, ma aumenta con dolore e tumefazione. La distorsione determina anche una fuoriuscita di sangue nell’articolazione, ecco perché la zona interessata appare molto arrossata.

dist2

Importante è non massaggiare la parte colpita, è invece più opportuno applicare del ghiaccio, così da far diminuire il gonfiore. L’articolazione va poi fasciata con un bendaggio compressivo che, solitamente, è costituito da uno strato di cotone idrofilo e da una fascia.
Nel caso in cui il dolore e il gonfiore siano di una certa entità, si consiglia di recarsi al pronto soccorso per eseguire una radiografia e verificare l’assenza di fratture all’osso.

Cure e Rimedi naturali

dist5
dist6

I rimedi naturali per la distorsione, in particolare della caviglia sono di tipo antidolorifico e riabilitativo.

L’applicazione di ghiaccio, la crioterapia, è il più diffuso, è consigliato il suo utilizzo soprattutto nella fase acuta, durante le prime 48 ore dalla distorsione. Questo tipo di terapia agisce come vasocostrittore per ridurre il gonfiore dell’articolazione.
Anche gli impacchi d’argilla risultano efficaci per ridurre il gonfiore. Viene realizzato un impasto sciogliendo l’argilla verde in una ciotola di acqua tiepida, il fango che si crea deve essere applicato sulla caviglia o sugli altri arti contusi, che saranno poi coperti con una benda. Il tutto dovrà essere lasciato riposare per qualche ora prima di essere rimosso semplicemente con dell’acqua.

Se dopo due giorni non ci sono miglioramenti, è buona norma prendere contatto con il medico o fisioterapista per ulteriori esami.

Cure farmacologiche

A supporto di cure e trattamenti, per gestire dolore e gonfiore, si prescrivono farmaci antinfiammatori. Nei casi più gravi si interviene anche con cortisone.

Gli antinfiammatori a uso topico sono pomate o gel che hanno il vantaggio di agire localmente sulla parte interessata senza affaticare stomaco e fegato.

I farmaci a uso orale sono più potenti rispetto a pomate e gel, ma possono richiedere l’assunzione di un gastroprotettore. Sono inoltre sconsigliati per chi ha delle disfunzioni epatiche o renali.

Nel caso del cortisone invece si parla di iniezioni, infiltrazioni. Queste vengono prescritte solo se i precedenti trattamenti non hanno dato risultati poiché hanno un’azione antinfiammatoria molto potente. La terapia prolungata tende però a compromettere i tessuti interessati.

Trattamenti medici

Cure farmacologiche e rimedi naturali non sono sufficienti? Oppure la distorsione risulta essere più grave del previsto?

Si interviene con trattamenti medici fisioterapici.

La laserterapia ad alta potenza agisce sulla membrana cellulare e sui mitocondri. Incrementa l’attività metabolica, riducendo il dolore e l’infiammazione. Crea vasodilatazione e aumenta il drenaggio linfatico.

La tecarterapia utilizza il principio del condensatore elettrico per curare la distorsione alla caviglia e altri infortuni muscolo articolari. Si basa sul ripristino della carica elettrica nelle cellule lesionate, per far si che si rigenerino più rapidamente. Molto efficace, può essere utilizzata in ipotermia – freddo – o in ipertermia – caldo.

Un altro trattamento contro il dolore è il kinesio taping. Sfrutta la trazione di bende adesive ed elastiche, che hanno la funzione di stimolare il sistema neuro-muscolare.

dist7
dist8

Nei casi più gravi si rende necessario eseguire un’artroscopia. Lo scopo è approfondire se sono presenti ulteriori lesioni oltre alla distorsione. Si tratta di un intervento chirurgico che consiste nell’inserire una piccola telecamera nell’articolazione per visualizzare la situazione. Se necessario, verranno applicate altre piccole incisioni per inserire gli strumenti necessari a riparare o rimuovere le parti lesionate.

Cosa non fare in caso di distorsione

Distorsione alla caviglia o al ginocchio cosa è importante ricordarsi di non fare e non trascurare?

Innanzitutto è essenziale evitare di utilizzare l’articolazione senza prima essere certi della completa guarigione. Il consiglio è sempre quello di rivolgersi a uno specialista, mediante un controllo, prima di riprendere le attività sospese a seguito dell’infortunio.

Potrebbe essere necessario anche eseguire una radiografia di controllo.

Inoltre, nel medio lungo periodo, i consigli per non incorrere nuovamente in una distorsione sono:

  • non svolgere attività potenzialmente rischiose “a freddo” senza riscaldarsi progressivamente e accuratamente;
  • non esagerare con l’impegno muscolo-articolare nelle prime fasi di approccio allo sport o nelle sessioni sporadiche. Questo vale soprattutto per gli adulti;
  • dopo un infortunio, utilizzare il bendaggio funzionale;
  • non trascurare sintomi e segni clinici che potrebbero lasciar pensare a una distorsione;
  • non trascurare le terapie. Risulta molto dannoso saltare la riabilitazione;
  • svolgere sedute di stretching e mobilità articolare;
  • non utilizzare calzature poco appropriate.

 

Attenzione! Trascurare una distorsione può comportare la cronicizzazione del trauma o un aggravamento della lesione.

 FT Dr. Enrico Gumirato

Conosci questi sintomi e vuoi saperne di più?